Pompeo Mariani fu oltre che un notissimo pittore un grande ed importante collezionista, dall’archivio e inventario della sua raccolta (oggi in possesso della Fondazione Pompeo Mariani) si possono enumerare più di ventimila oggetti dei generi più disparati, purtroppo è impossibile elencarli uno ad uno, ci limitiamo a citare i più importanti:

La maddalena del Gianpietrino, Madonna con bambino attribuita a Gherardo Delle Notti, Ritratto di notaio di Gustave Courbet, Ballerina di Edgar Degas, incisioni di Francisco Goya, di Tiepolo, Rembrandt, studio dell’anatomia di Jean Louis David, importanti sculture di artisti ottocenteschi quali Grandi, Butti, Alberti, Secchi, Pandiani.

Molto importante anche la collezione di tabacchiere in oro e argento risalenti al XVIII e al XIX secolo nonchè i gioielli a firma Cartier e Tiffany.

Le sue notevoli capacità finanziarie, dovute alle sempre crescenti vendite delle sue opere lo portarono a partecipare alle più importanti vendite di oggetti antichi dell’epoca, una su tutte la vendita a Parigi dell’Atelier di Edgar Degas.

La Fondazione Pompeo Mariani sta svolgendo un’attento lavoro di archiviazione degli oggetti da lui posseduti sia ancora presenti sia dispersi dopo la sua morte.

Riguardo alle intere collezioni si sta valutando l'inserimento in rete a seguito del Progetto Regionale "Michael".